This page contains a Flash digital edition of a book.
4 VENERDÌ15GENNAIO inprimopiano2010
LATRAGEDIADIHAITI
«Instradavaganobimbimutilati»
Quattrofratellinidavantiallemacerie:«Comefaràmammaatrovarciselacasanonc’èpiù?»
«IL PANORAMA è devastante. I più
importanti edifici sono scomparsi. ILRACCONTODIUNMISSIONARIO
Danni ingenti si registrano ovunque.
Solo da quello che abbiamo visto noi, i
morti non possono che contarsi a mi­ «L’OSPEDALE ERA PIENO
gliaia». È la testimonianza di Fiam­
metta Cappellini, operatrice italiana ABBIAMO CURATO verso Santo Domingo: «Le pareti di
dell’Avsi(AssociazioneVolontariperil gran parte delle abitazioni sono tutte
Servizio Internazionale), presente ad I FERITI PER LA STRADA» crollate e quelle che sono rimaste in
Haiti in uno degli oltre 120 progetti di piedi sono danneggiate».
cooperazione allo sviluppo nel mondo. PORT­AU­PRINCE.Una scossa alla Misna ­ abbiamo visto comin­ A Port­au­Prince ieri si sarebbe do­
Eranelsuoufficio,chenonhasubito fortissima, lunghissima. Poi qualche ciare ad affluire decine di feriti. Li ab­ vuto inaugurare il festival del libro
danni, quando si è verificata la terribile secondo di silenzio assoluto. E subito biamo sistemati come potevano nel “Etonnants voyageurs”. Gli scrittori
scossa. «Siamo scesi subito in strada ­ dopo le urla della gente, «altissime cortile e abbiamo cominciato a cu­ haitiani e francesi che si trovano ad
racconta ­ attraversando la città ab­ che provenivano da ogni direzione». rarli, mentre i religiosi haitiani sono Haiti hanno iniziato a radunarsi nel
biamo visto scene di devastazione ter­ Frate Demetrio De la Cruz Jimènez, corsi a raggiungere i loro familiari e campo da tennis dell’hotel Karibè,
ribili. Per le strade vagano persone in viceprovinciale dei missionari cap­ confratelli che non erano riusciti a parzialmente distrutto dal sisma,
preda a crisi di panico, feriti in cerca di puccini di Haiti e Santo Domingo, contattare al telefonino» quandosulgruppoèpiombatalanoti­
aiuto». «Abbiamo cercato di portare racconta così ­ all’agenzia missiona­ «La maggioranza aveva ferite alla zia della morte di uno di loro, Georges
aiuto come potevamo per trasportare i ria Misna ­ il terremoto che ha colpito testa, al volto e agli arti ­ continua il Anglade, che precipita nel lutto il
feriti, almeno i bambini rimasti soli, Haiti. «Sembrava la fine del mondo», frate ­ e quelli più gravi sono stati por­ mondo letterario haitiano e franco­
ma ci siamo resi conto di quanto poco spiega il missionario che si trovava a tati all’ospedale con le auto dei reli­ fono. Nel dramma è morta anche la
servisse rispetto alla dimensione di PortauPrince,nellasededellaConfe­ giosi. Erano le sei o le sette di sera, ma moglie Mireille. Anglade, 66 anni, è
questa tragedia. Si sentono dalle mace­ renza episcopale haitiana situata nel dopo neanche un’ora sono tornati stato uno dei fondatori dell’Univer­
rie le grida di aiuto di chi è rimasto centro della capitale. tutti indietro perché all’ospedale non sità del Quebec, a Montreal. Opposto
sotto e i parenti impotenti si dispe­ «Eravamo un centinaio di religiosi c’era posto, così abbiamo continuato alla dittatura di Duvalier, lo scrittore
rano. In tutta la città la gente è in haitiani e di altri paesi caraibici riu­ ad assisterli come potevamo per tutta era stato imprigionato e esiliato due
strada: chi non ha più una casa, ma niti per un’assemblea», spiega Frate la notte». volte. Dalla casa editrice “Vents d’ail­
anche chi teme nuove scosse». Demetrio, contattato a Santo Do­ «La città è una distesa di detriti, leurs”, che pubblica in Francia la
«Ciò che abbiamo visto è spaven­ mingo dove è rientrato ieri dopo aver non c’è un quartiere di quelli che ho maggior parte degli autori haitiani,
toso. Non so da che parte potremo ri­ trascorso le prime 24 ore del dopo attraversato che sia stato rispar­ fanno sapere che di molti degli scrit­
cominciare. È terribile. Penso ai 4 fra­ sisma a Port au Prince. miato», ha aggiunto, raccontando il tori presenti sull’isola non c’è ancora
tellini che abbiamo soccorso oggi, si Unuomomostral’immaginedellapropriafiglia,scomparsadopoilsisma «Subito dopo la scossa ­ riferisce paesaggio visto mentre si dirigeva notizia.
sono trovati sotto una casa distrutta
senza i genitori non ancora rientrati
dal lavoro. Uno di loro aveva gravis­
sime ferite alla testa e piangeva dispe­ LATESTIMONIANZA
rato. La sorellina piangeva chiedendo:
come fa la mamma a ritrovarci che la
casa non c’è più?». Drammatica la te­ A 12 ANNI TIENE LA MANO
stimonianza sulla situazione all’unico
ospedale rimasto in piedi. «Dentro ­ ri­ AL FRATELLO DI 14 portuale circa 40 chilometri a sud
ferisce Fiammetta ­ c’era una sola in­
fermiera, abbandonata a se stessa, «VEDRAI, CE LA FARAI»
della capitale Port­au­Prince, con
una popolazione stimata di 40 mila
senza materiale, senza un medico. Nel abitanti. «La città è distrutta tra il 60 e
cortile dell’ospedale, feriti gravissimi e PORT­AU­PRINCE. Phaubert mattino. La scuola di Phaubert, che l’80%. Contiamo già decine di morti e
moltissimi cadaveri, buttati ha 14 anni, è steso su una barella men­ frequenta l’equivalente della terza molta gente è ancora sotto le mace­
sull’asfalto, in pieno sole. Ci sono bam­ tre suo fratello Charles, 12 anni, gli media italiana, non c’è più, non ci rie»,hacomunicatoalportaled’infor­
bini, a volte senza un arto o con ferite stringe la mano, lo coccola, gli parla sono più la sua casa né quelle dei vi­ mazione “Haiti press network” un
così terribili da essere non identifica­ dolcemente. «Ce la farai ­ gli dice ­ ve­ cini. Quando il sisma ha devastato esponente del governo locale, Zidor
bili al volto. Una cosa terribile. L’unica drai, adesso arriveranno anche Port­au­Prince i genitori di Phaubert Fednel. «Non eravamo pronti, stiamo
parola che ci ha detto, in quella stanza mamma e papà». Phaubert, un viso dovevanoancorarientraredalavoroe cercando di allestire alloggi di for­
di morte è stata: un dottore, vi prego». dolce e sfigurato dalla sofferenza e non si sa se siano vivi. È pieno di bam­ tuna», ha aggiunto Fednel in un mes­
«In casa mia ­ conclude ­ ho carbu­ dalle ferite, ascolta. Tutt’attorno ­ nel bini che non trovano i genitori e vice­ saggio diffuso via Internet.
rante e generatore funzionante, auto­ quartiere Delmas della capitale hai­ versa. Il lavoro sui bambini sta diven­ Impossibile, come per Port­au­
nomia almeno 8­9 giorni a ritmo tiana Port­au­Prince, nel quale una tando prioritario per ricostruire, Prince, avere per il momento un bi­
pieno, se razioniamo la corrente anche casa su tre non è più in piedi ­ è un dove si può, le famiglie. lancio chiaro. Le comunicazioni tele­
2 settimane, cibo secco scorta per 4 continuo vociare, inseguirsi di grida Sul fronte umanitario a quasi 48 foniche con Haiti continuano ad es­
giorni, cibo fresco finito; acqua pota­ disperate di chi cerca i propri cari, ma ore dal sisma, mentre si continua a sere bloccate e i principali mezzi di
bile: 1 giorno di autonomia, ma pos­ Phaubert e Charles e altri loro due scavare in cerca di sopravvissuti e si comunicazione locali restano silen­
siamo trattare l’acqua della cisterna: in fratellini hanno avuto la fortuna di assistono i feriti con i pochi mezzi a ziosi, salvo brevi aggiornamenti com­
tal caso 10 giorni. Gas cucina per una poter ricevere subito assistenza da un disposizione, l’urgenza si sposta sui posti per lo più da fotografie di mi­
settimana, benzina auto per tre giorni, gruppo di operatori internazionali. cadaveri.Perquestionisanitariebiso­ gliaia di superstiti costretti a passare
no acqua corrente, ma acqua per la­ La diagnosi medica è fredda e al gna trovare il modo di smaltirli in la seconda notte all’addiaccio, corpi
varsi disponibile». contempodrammatica:sfondamento fretta per evitare il diffondersi di ma­ senza vita ed edifici rasi al suolo.
GIUSEPPEGIANNOTTI del cranio, zona frontale. Il racconto è lattie. «Port­au­Prince ­ ha riferito Radio
giannotti@ilsecoloxix.it arrivato all’agenzia missionaria Col passare delle ore, danni enormi Kiskeya ­ sembra un enorme campo
©RIPRODUZIONERISERVATA LatragediavissutaadHaitinegliocchidiquestobambino Misna quando ad Haiti erano le 4 del sono segnalati anche a Jacmel, città di battaglia».
LASOLIDARIETÀ ILSUPERCARCERENELL’ISOLAAVAMPOSTOD’EMERGENZA
IlBrasilediLulainprimalineapergliaiuti FeritiaGuantanamo:gliUsacollaboranoancheconCuba
Maiprimad’oraibrasiliani zione del mondo per il suo paese che stanziati da Francia e Inghilterra.
avevanochiestola alla fine del 2009 si è guadagnato E il Brasile? Il paese verde­oro ha
leadershipumanitaria. primo in America Latina il palmarès dalla sua il fatto di essere legato ad Nellabaseèoperativo Le autorità americane hanno de­
Nascequasiuna“sfida”a per i Giochi Olimpici del 2016, a Haiti da un vincolo profondo. Con unospedaleattrezzato. ciso che non solo l’ospedale, maWashington il suo collega Barack 1.266 soldati ­ 14 dei quali morti du­
distanzacongliStatiUniti Obama non esitava ad annunciare rante il sisma ma la cifra sembra es­ Segnalididistensione anche altre parti della base saranno
che «questo è un momento che ri­ sere destinata a salire ­ guida la forza traiduePaesiper
utilizzati per dare soccorso ai feriti
più gravi, quelli che necessitano delle
SANPAOLO. Il mondo intero si chiede la leadership dell’America». A di pace dell’Onu (la Minustah) stan­ fronteggiarel’emergenza cure più urgenti. Gli Usa non hanno
stringe intorno al dolore di Haiti. fianco di Obama il capo del Diparti­ ziata dal 2004 sull’isola dopo che l’al­ precisato se, per gestire l’emergenza
Dopo la deflagrazione del sisma che mento di Stato, Hillary Clinton, e il lora presidente Jean­Bertrand Ari­ WASHINGTON. La potenza del Haiti, verrà utilizzata o meno anche
ha colto, come sempre accade in que­ vice­presidente Joe Biden, giusto stide fu deposto da una rivolta. terremoto ad Haiti fa cambiare pelle parte del carcere, ma un dato è certo:
sti casi, tutti di sorpresa adesso ar­ persottolinearechel’impegnostatu­ Una scelta, quella dell’Onu, dovuta Unsoccorritorebrasilianoinpar­ a Guantanamo. Il sisma ha avuto un la «top priority» degli Usa, come sot­
riva la lucida strategia degli aiuti in­ nitense verso la martoriata isola ca­ non solo alla vicinanza geografica tra tenzaconuncaneaddestrato effetto diretto sulla base militare tolineato ieri dal Presidente Barack
ternazionali. La novità è che in que­ raibica è davvero «un’assoluta prio­ Brasile ed Haiti ma anche alla capa­ americanaaCubadovesitrovailcon­ Obama, è Haiti; Guantanamo è vicina
sta occasione a chiedere la leader­ rità» per tutto il governo Usa. «Lo cità di comprendere meglio di qua­ troverso supercarcere aperto dopo ad Haiti e consente interventi rapidi.
ship umanitaria è un paese che non dobbiamo al popolo di Haiti che ha lunque altro paese al mondo la cul­ l’attacco alle Torri Gemelle: la base Dunque non c’è ragione di non utiliz­
lo ha mai fatto finora. E il paese in già sofferto tanto e per lo spirito di tura animista­cattolica tanto radi­ sarà utilizzata come avamposto di zarla in questa fase di emergenza.
questione è il Brasile di Lula che ha umanità e solidarietà verso un no­ cata ad Haiti quanto a Salvador de emergenza per gli aiuti agli haitiani, e Sono stati proprio militari partiti
già predisposto l’invio nell’isola ca­ stro paese vicino». Bahia. Stati Uniti e Brasile, dunque, ha già cominciato a ricevere i primi da Guantanamo i primi americani a
raibica di 15 milioni di dollari e 28 L’intervento ad Haiti potrebbe al momento sono i due paesi candi­ rifugiati. Non solo: attraverso Guan­ mettere piede ad Haiti nelle ore im­
tonnellate di farmaci, un ospedale da trasformarsi in un’ottima cartolina dati alla guida della ricostruzione. Il tanamo sta avvenendo un inedito av­ mediatamente successive al sisma. I
campo, otto aerei per un ponte aereo per Obama visto che sarebbe la che spiega perché mentre Obama vicinamentotragliStatiUnitieCuba. marinai della unità navale Forward
e un centinaio di mezzi di trasporto prima azione concreta e veramente annunciava l’invio imminente di Tanto che ieri un portavoce del Di­ erano ormeggiati di fronte alla baia di
pesanti adatti a portare i soccorsi via solidalediObama­dopoimezzifalli­ 3.500 soldati per i primi soccorsi ad partimento di Stato, Charles Luoma­ Guantanamo quando hanno potuto
terra tra le strettissime vie delle città menti in Afghanistan e Iraq ­ utilis­ Haiti, il ministro della Difesa verde­ Overstreet,sièspintoasostenereche fisicamente sentire la scossa di terre­
haitiane, sommerse dalle macerie. E sima per far tacere i critici che, in pa­ oro Nelson Jobim dal canto suo co­ lo «sforzo multilaterale» che gli Stati moto. La nave è giunta a Port au
così ecco arrivare dal presidente bra­ tria e all’estero, lo hanno recente­ ordinava già da Port­au­Prince le ri­ Unferitogravetrasportatoall’ospe­ Prince nelle prime ore di mercoledì, e
siliano in persona Luiz Inácio Lula mente accusato di avere vinto il cerche di superstiti degli oltre 1.200 dalenellabasediGuantanamo
Uniti stanno facendo negli aiuti ad
Haiti può essere occasione per «col­ si è trasformata in un pronto soc­
da Silva un appello chiaro per coordi­ Nobel per la Pace più per le inten­ Caschi Blu brasiliani presenti laborazioni umanitarie» anche con corso. Un’altra unità della Guardia
nare donazioni e aiuti a Port­au­ zioni che per i fatti. nell’isola. Cuba. Rispondendo alla domanda di Costiera è ora ormeggiata nel porto
Prince e dintorni A conferma di questo desiderio di Per ora Lula e Obama non si sono un giornalista che gli chiedeva ap­ haitiano, mentre al largo di Port au
«Ho proposto al presidente leadership solidale che lo anima, ancora incontrati per discutere di punto se gli Usa fossero pronti ad Prince la portaerei nucleare Vinson
Obama che ci riunissimo, assieme Obama ha annunciato anche lo stan­ Haiti ma, assicurano gli analisti, è Haiti a collaborare anche con Cuba, fa da ponte per le operazioni di de­
all’Onu, per coordinare donazioni ed ziamento di una sorta di Piano Mar­ probabile che lo facciano nei pros­ Luoma ha risposto: «Siamo pronti a cine e decine di elicotteri, fondamen­
aiuti ad Haiti ­ ha annunciato ­ dob­ shall per la ricostruzione di Haiti, simi giorni. Anche perché il terribile collaborare con chiunque, e questa tali in questa fase per i trasporti
biamo agire tempestivamente per con una prima tranche di 100 milioni terremotohaitianorappresentadav­ disponibilità riguarda ovviamente d’emergenza.
permettere che Haiti si recuperi al di dollari «per gli aiuti immediati». vero una seconda chance dopo la anche Cuba». Il diplomatico ameri­ Intanto, mentre nelle celle del car­
più presto», il tutto condito comun­ Un quantitativo di donazioni cento scarsa sintonia sulla questione hon­ cano ha reso noto che il governo cu­ cere di massima sicurezza restano
que dalla consapevolezza che serve volte superiore a quelli inviati da un duregna da non sprecare per raffor­ bano, proprio alla luce dell’emer­ rinchiusi ancora 198 prigionieri rite­
comunque sempre il placet di paese emergente che aspira a diven­ zare l’asse Washington­Brasilia. genza Haiti, ha consentito di facili­ nuti dagli Usa potenziali terroristi
Washington. tare una grande potenza come PAOLOMANZO Sicaricanogliaiutinellasedetede­ tare agli Stati Uniti l’accesso a Guan­ islamici, fuori dal carcere comin­
E mentre Lula chiedeva l’atten­ l’India e dieci volte superiore a quelli ©RIPRODUZIONERISERVATA scadellaCroceRossa tanamo. ciano ad affluire i feriti di Haiti.
Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40
Produced with Yudu - www.yudu.com