This page contains a Flash digital edition of a book.
12 DREAM CAR – Capolavori a quattro ruote (a cura di Yoyo) FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ROTATIVO


1. Porta di ingresso 2. Porta di scarico 3. Alloggiamento cilindro 4. Rotore 5. Albero motore 6.


Ingranaggi fissi


7. Condotto acqua 8. Svuotamento del Rotore T. Movimento del Rotore


ASPIRAZIONE


COMPRESSIONE Il


SCOPPIO piccolo propulsore è un


concentrato di tecnologia, sebbene il suo funzionamento sia molto semplice, ma proprio le migliori invenzioni vengono da idee a volte elementari e dirette. Il pregio di questo motore è sicuramente il ridottissimo peso e la sua elasticità di coppia, di contro per far funzionare il Wankel occorre molta lubrificazione il che vuol dire cambi d‟olio motore in continuazione.


SCARICO


A sinistra Felix Wankel nato a Lahr il 13 Agosto 1902 e morto a Lindau il 9 Ottobre 1988,


il celebre


inventore tedesco che immaginò, ideò ed infine concepì il motore rotativo che tutt‟ oggi porta il suo nome.


Gli interni della mazda RX-7 sono completamente avvolgenti. Questa è la versione giapponese con guida a destra.


Presentata un anno fa al Salone di Birmingham dopo una stagione di collaudi e sviluppo, la Norton NRV588 venne equipaggiata con un motore Wankel, l‟ultima delle quali ha gareggiato e vinto nel campionato Superbike britannico del 1994, per la presenza, all‟interno della sua sigla, della lettera V: che sta per Variabile. All‟epoca, questa moto, caratterizzata da un doppio pistone rotante con raffreddamento a liquido, era accreditata di 165 CV a 11.450 giri e pesava solamente 131 Kg con olio e liquido di raffreddamento inclusi!!!


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28