This page contains a Flash digital edition of a book.
15


Per una persona come lui, attento e prudente, il fatto di aver girato all’Isam, Magione, Vallelunga ed al Sele è ammirevole e gli sforzi profusi gli hanno valso anche una buona tecnica da portare a casa come bagaglio d’esperienza per le prossime uscite, dove sicuramente, ripeto, non mancherà.


Stefano non è di certo quello che si può definire un pilota, eppure quando si deve scendere in pista lui è sempre il primo a partecipare e l’ultimo a lasciare il circuito.


Non è velocissimo e questo lo sa anche lui,


scherzandoci spesso sopra,


definendo i suoi tempi sul giro da clessidra! Ma la voglia che ha di pista è tale da non riuscire mai a dire di no, davanti all’occasione di entrare in un circuito assieme alla sua ZX6R 636.


Detto questo vorrei esprimere


pubblicamente la stima che ho nei confronti di Stefano che, vedendomi fermo ai box dolorante, mi ha concesso l’onore di guidare, seppur


In sintesi ha fatto il suo, ha svolto il compitino alla perfezione, non ha mai osato più di tanto e si è divertito moltissimo. La sua moto sul dritto mette spavento, e tira alla grande in alto (ne sò qualcosa visto che nel pomeriggio l’ho provata anche se con forti dolori al fianco ed alla mano sinistra).


solamente 4 giri, la sua Kawasaki ZX6R 636 in quanto la mia Akira era impossibilitata nello scendere di nuovo tra le curve del Sele. Questo fa capire che persona splendida


sia Stefano, grazie


ancora… VOTO 7


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34