This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 2 • Dicembre 201 0


Sì, si può se hai la fortuna di essere una giocatrice brava e costante in quella che è forse la Wta più in crisi di personaggi del decennio. Per carità, non c’è nulla di clamoroso nel vedere Caroline Wozniacki lassù. Venti anni, nata l’11 luglio 1990 a Odense, Danimarca,


con evidenti


cromosomi polacchi portati in dote dai genitori, l’ex calciatore Piotr e l’ex nazionale di pallavolo Anna, Caroline è una delle giocatrici più promettenti. Ha dritto, corsa, sostanza, pochi fronzoli e buona efficacia, un rovescio lungolinea tutt’altro che disprezzabile e soprattutto un carisma destinato a fare breccia su mass media e nervi delle avversarie. Nonché una bellezza estetica che non ha ceduto sotto i muscoli che ha dovuto costruirsi rispetto a quando a sedici anni conquistava il Wimbledon Juniores e che le è valsa articoli fin dai primi exploit. Citarne l’avvenenza fisica è però tanto inevitabile quanto riduttivo: la Wozniacki ha molto più da offrire.


UNA STORIA GIÀ VISTA — Per esempio, un curriculum che non sarà da Martina Hingis o da Steffi Graf, ma che è


competitivo nel panorama tennistico attuale. Esplosa tra i grandi nel 2008, quando si è meritata con piazzamenti e prime vittorie (Stoccolma, New Haven, Tokyo) il titolo di WTA Newcomer of the Year


(“Emergente dell’anno Wta”),


Caroline è riuscita a sfiorare la top ten (12ª a fine 2008), per poi entrarci nel 2009, quando si è aggiudicata altri tre singolari (Ponte Vedra, Eastbourne, New Haven) e soprattutto si è fatta strada per la prima volta in uno Slam, arrivando fino in fondo a Flushing Meadows. Il suo exploit newyorkese venne oscurato dalla notizia del mese, ovvero che dopo la Henin anche Kim Clijsters poteva andare in vacanza quando voleva per poi


prendere a pallate le giovani leve di turno,


rimettendosi sul


tornare e comodino


qualche Slam. Ma in quella finale le notizie erano due: che la Clijsters era di nuovo regina sul cemento, certo, ma anche che forse aveva appena giocato contro la sua erede.


Un anno dopo, il film di questi giorni sa in effetti di già visto. Sette anni fa


MARIANNE BEVIS


TENNIS - Caroline Wozniacki


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113