This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net Scherma


E' questione di scuole. La Scherma, disciplina estremamente tecnica presenta, nell'analisi dei 135 atleti maschi di interesse nazionale, una diffusione a macchia di leopardo con i punti focali del movimento laddove hanno sede le scuole con maggiore tradizione.


Schermitori ogni 100.000 abitanti Piemonte


Valle d'Aosta Lombardia


Trentino - Alto Adige Veneto


Friuli Venezia Giulia Liguria


Emilia-Romagna NORD


Toscana Umbria Marche Lazio


CENTRO Abruzzo


Molise


Campania Puglia


Basilicata Calabria SUD


Sicilia


Sardegna ISOLE


ITALIA


12 -


7 2 8 6


678,974 19,996


16 1,604,640 -


170,486 802,513 186,409 221,348 688,510


4 3


26


567,816 140,805 248,406 931,294


1.77 -


1.00 -


0.87 1.07 3.61 0.87


51 4,372,876 1.17 19


3.35 2.84 1.21 2.79


52 1,888,321 2.75 -


-


221,466 52,997


14 1,052,289 8 1 -


712,498 100,976 352,657


-


879,782 287,489


- -


1.33 1.12 0.99 0.00


23 2,492,883 0.92 9


9 1,167,271 0.77 135 9,921,351 1.36


1.02 -


E' il Lazio la regione a fornire il maggior numero di schermidori alla causa, 26, praticamente tutti dalla provincia di Roma; peraltro il Lazio è anche la regione con il maggior numero di circoli e il maggior numero di maestri: l'equazione è quasi perfetta. A inseguire è la


Toscana con la fascia composta dalle province di Livorno e Pisa ad essere determinante anche per


la seconda


posizione nella graduatoria pro-capite (3.35 schermidori ogni 100.000 abitanti che diventano 17.8 a Livorno e 9.1 a Pisa). Sebbene con il solo Stefano Carozzo già presente sui grandi palcoscenici, la Liguria con in suoi 8 atleti (ben 7 spadisti a dimostrazione della importanza delle scuole) guida la graduatoria pro-capite con 3.61 schermidori ogni 100.000 abitanti.


Danno i loro frutti i 27 circoli siciliani mentre si estende anche in campo maschile la grande scuola di Jesi che è dominante nel Fioretto in campo femminile; sono ben 8 gli sciabolatori che arrivano da Foggia mentre all'altro capo della penisola, prosegue la grande tradizione di Marcello e Franco Bertinetti, Elisa Uga e Paolo Milanoli in quel di Vercelli.


Numero 2 • Dicembre 201 0 Canottaggio


La favola di Castellamare di Stabia continua: la patria dei leggendari fratelli Abbagnale continua a sfornare canottieri e, con il resto della provincia di Napoli, a costituire il polo che numericamente contribuisce in modo maggiore alla pattuglia dei 130 canottieri che fanno parte delle squadre nazionali. Il comune di circa 64.000 abitanti ha dato i natali a 8 rappresentanti


azzurri, mentre


l'intera provincia di Napoli ha sfornato ben 36 canottieri. Una superiorità schiacciante se si pensa che l'intera Lombardia con i bacini lacustri della tradizione non supera i 20 effettivi in forza alle squadre nazionali, distribuiti tra Lecco (9.1 canottieri ogni centomila individui attivi), Varese (6.34) e Como (6.19).


Con una media pro-capite nazionale di 1.31 per 100.000 abitanti, è però Trieste a guidare la classifica per provincia fornendo, dai suoi 30.000 abitanti, ben 7 elementi di interesse nazionale.


21 Napoli 1 Portici


Canottieri ogni 100.000 abitanti Piemonte


Valle d'Aosta Lombardia


Trentino - Alto Adige Veneto


Friuli Venezia Giulia Liguria


Emilia-Romagna NORD


Toscana Umbria Marche Lazio


CENTRO Abruzzo


Molise


Campania Puglia


8 5


Castellamare di Stabia 1


Vico Equense Gragnano


Basilicata Calabria SUD


Sicilia


Sardegna ISOLE


ITALIA


7 -


2 8 5 6


678,974 19,996


29 1,604,640 -


170,486 802,513 186,409 221,348 688,510


1 -


12


- -


567,816 140,805 248,406 931,294


1.03 -


1.81 -


0.25 4.29 2.26 0.87


57 4,372,876 1.30 16


2.82 0.71 -


1.29


29 1,888,321 1.54 -


221,466 52,997


40 1,052,289 3 - -


712,498 100,976 352,657


-


879,782 287,489


-


3.80 0.42 - -


43 2,492,883 1.72 1


1 1,167,271 0.09 130 9,921,351 1.31


0.11 -


SPECIALE - La geografia degli atleti italiani


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113