This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


meglio sulla Francia per il secondo posto in una gara apertissima. Chiudono il tor- neo senza nemmeno una vittoria gli EU Crusaders, formati da atleti spagnoli, islandesi, bielorussi, britannici, irlandesi, olandesi, francesi, dall'australiano Mark Pitura (allenatore del Galles) e dall'ita- liano Davide Dallago. Nel Pool B la gara più attesa è quella tra i campioni uscenti dell’Inghilterra e la Germania. A spun- tarla sono gli inglesi, che non sbagliano nemmeno contro Svizzera e contro la cenerentola Repubblica Ceca. Nel Pool D, a tre squadre, la Croazia non ha nessun problema. Al secondo posto arriva il Gal- les, battendo l’Austria 5.10 (40) – 0.4 (4).


Il Pool C vede contrapposte Italia, Sco- zia, Catalogna e Olanda. La favorita è proprio quest’ultima, ma il girone si di-


mostra comunque molto aperto: mentre l’Italia demolisce la Catalogna trascinata dai punti di Bruno Nugnes (2.1) e Sebastian Caffaratti (2.0), l’Olanda batte la Scozia con la differenza di un solo goal: 4.3 (27) – 3.3 (21). Nella partita si distinguono l’allenatore-giocatore dell’O- landa Josh Carmichael, autore di 19 (3.1) dei 27 punti della sua squadra, e lo scozzese Andy Brockett (2.2). L’Olanda si sbarazzerà poi della Catalognia 43-6 con due goal a testa per Remi Nolle e Stephen Dillon, mentre l’Italia dovrà lot- tare all’ultimo sangue contro la Scozia per assicurarsi la parte alta del tabel- lone. Dopo aver mantenuto il vantaggio per tutto il primo tempo, chiuso sul 31- 20, l’Italia si fa rimontare dagli scozzesi, autori di 14 punti senza replica all’inizio della ripresa e trascinati da Shaun Faulk-


D.BENZONI


Numero 2 • Dicembre 201 0


ner e Chris Pearson (due goal ciascuno). Solo nelle battute finali del match l’Italia tornerà in vantaggio, chiudendo l’in- contro 7.2 (44) – 5.4 (34) con 19 punti di Caffaratti (3.1) e due goal di Philip Carson.


Alla Scozia non resta che consolidare il terzo posto battendo la Catalogna 7.7 (49) – 2.3 (15), mentre l’Italia affronta l’Olanda nel match decisivo per la qualificazione alle semifinali. Gli olan- desi, a detta del team manager azzurro Armando Colombo, sono dediti a un gio- co più posizionale, mentre l’Italia sfrutta maggiormente la velocità. Il primo tem- po contro gli olandesi è disastroso per gli azzurri, storditi dalla potenza di fuoco di Carmichael (2 goal) e soci. All’intervallo il risultato è di 35-1 per l’Olanda, che ha concesso all’Italia solo un behind. Nel secondo tempo gli azzurri cercano di sal- vare l’onore e con tanto orgoglio tentano una rimonta, senza subire nemmeno un punto. Vero che forse gli olandesi consi- deravano la partita già chiusa, ma in alcuni momenti l’Italia è sembrata vera- mente in grado di recuperare. Il risultato finale è Italia 2.7 (19) – Olanda 5.5 (35). L’Olanda procede alle semifinali per il titolo, mentre l’Italia accederà alle finali per il plate, ovvero per definire le posi- zioni dal quinto all’ottavo posto: un miglioramento sensibile rispetto al tredi- cesimo posto di Samobor.


La Scozia si aggiudicherà, alla fine, il bowl, ovvero il trofeo del tabellone basso (9° posto), battendo Francia e Svizzera. Per l’Italia invece l’obbiettivo è il plate. Nella semifinale contro la Germania la partita è tirata: i tedeschi chiudono il primo tempo in vantaggio 14-3 grazie a due goal di Tim Horenburg. Ancora una volta gli azzurri si risvegliano nella ri- presa, concedendo solo tre behind e ri-


montando grazie alle marcature di Caffa- ratti, Carson e Gianluca Rasoli fino a portarsi avanti di un goal. Il risultato fi- nale è Germania 2.5 (17) – Italia 3.5 (23) e l’Italia è qualificata alla finale del plate contro gli spagnoli, che hanno battuto in semifinale il Galles per 5.1 (31) – 3.6 (24), vanificando i tre goal del gallese Saun- ders. La finale ripete per la terza volta un copione già visto: un’Italia capace, ma troppo affetta da momenti di black- out. Tre goal di Antonio Encinar, due di José Fernández e uno di Iñaki Cobo chiudono il primo tempo con la Spagna saldamente in vantaggio per 37-9. Nuo- vamente l’Italia gioca un secondo tempo d’orgoglio, concedendo solo due behind e marcando 20 punti, che però non ba- stano. Il finale sarà Italia 4.5 (29) – Spa- gna 6.3 (39), con gli azzurri a segno gra- zie ai goal di Nugnes, Carson e Filippo Bolognesi. Un sesto posto che un po’ pesa, un po’ soddisfa (per i progressi visti da Samobor) e un po’ lascia intuire possibili margini di miglioramento.


La parte alta del tabellone sconfessa ogni pronostico: l’Inghilterra detentrice del titolo e la co-favorita Irlanda cadono entrambe in semifinale. I loro aguzzini sono le due squadre che hanno perso nelle due ultime occasioni la finale con gli inglesi, Olanda e Croazia. L’Olanda supera l’Inghilterra di soli quattro punti al termine di un incontro corretto, ma sempre in bilico. Gli inglesi centrano i pali del goal con Todd, McGeever, Battye e Delooze, oltre a mettere a segno otto behind. Gli olandesi invece sono più cini- ci e mettono a segno solo marcature pe- santi: tre con Dillon, due con il solito Carmichael e una con Nolle, vincendo 6.0 (36) – 4.8 (32). Più netta la vittoria dei croati che vincono 5.2 (32) – 2.5 (17) uno scontro teso e nervoso, arrivando quasi alla rissa con gli irlandesi. Ai goal


AUSSIE RULES - Euro Cup 201 0 a Parabiago


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113