This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Runar BERG 99/01 Venezia


Chiamato a non far rimpiangere Recoba non lascia tracce nel Venezia che scivola in B rag- granellando solo 26 punti


Klaus BERGGREEN 82/86 Pisa 86/87 Roma 87/88 Torino


Colonna del Pisa di Romeo Anconetani che al primo anno in serie A ottiene un sorprendente undicesimo posto per poi collezionare retroces- sioni e promozioni. In giallorosso e in granata non ha uguale fortuna.


Morten BISGAARD 98/01 Udinese


Non è una delle migliori scommesse di Pierpaolo Marino che pure tanti giovani talenti stranieri ha fatto transitare dal Friuli. Tre stagioni senza infamia e senza lode prima di ritornare a Copenaghen


Joachim BJÖRKLUND 95/96 Vicenza 00/01 Venezia


Il centrale difensivo di Växjö ha avuto in Italia meno fortuna di quanto ha dimostrato di meritare nella permanenza al Valencia dove diviene pedina fondamentale della squadra che raggiunge per due anni la finale di Champions League


Jesper BLOMQVIST 96/97 Milan 97/98 Parma


Protagonista di 5 scudetti in Svezia e buon rincalzo in 3 Premier League vinte dallo United, arriva in Italia nel caotico Milan di fine anni novanta senza sfondare e riparte dopo una onesta stagione al Parma


Tomas BROLIN 90/95 e 97 Parma


E’ uno degli artefici della favola del Parma nei primi anni Novanta con la sapiente guida di Nevio Scala; utilizzato prima in attacco e poi arretrato a centrocampo per fare spazio a Gianfranco Zola ha contribuito in maniera de- terminante ai trofei conquistati dai ducali. Negli ultimi anni è diventato protagonista dello European Poker Tour.


Martin BERGVOLD 07/10 Livorno


Dei suoi anni in amaranto si ricorda soprattutto la rete nel playoff promozione contro il Brescia che vale il ritorno in serie A


John CAREW 03/04 Roma


Arriva nella Capitale in prestito dal Valencia, nell'ultima Roma di Fabio Capello, diventando presto idolo dei tifosi che lo soprannominano John John e arrivano a dedicargli una canzone.


Numero 2 • Dicembre 201 0


Venti partite e sei reti dopo, il prezzo fissato per il riscatto dagli spagnoli è troppo alto e finisce ad Istanbul


Dan CORNELIUSSON 84/89 Como


Dopo la Coppa Uefa e il titolo di


capocannoniere conquistato nel 1982 a Goteborg, arriva al neopromosso Como dove viene scelto per fare coppia con Stefano Borgonovo. Vive nella città lariana cinque stagioni di serie A che culminano nella semi- finale di Coppa Italia del 1986 dopo aver eliminato la Juventus con una rete dello svedese.


Martin DAHLIN 96 Roma


45 reti in 87 partite a Malmoe, 50 in 106 a Moenchegladbach, grande protagonista in maglia svedese dei Mondiali del 1994 viene strappato dalla Roma di Carlos Bianchi alla Juventus: patisce un infortunio al ginocchio e dopo sole 3 partite a gennaio viene rispedito al mittente.


Albin EKDAL 08/09 Juventus 09/10 Siena 10/ Bologna


La Juventus lo preleva ancora diciottenne dalla Svezia ma non riesce a trovare la sua dimensione seppure utilizzato quasi a tempo pieno lo scorso anno a Siena. La nuova tappa è Bologna.


Johnny EKSTRÖM 86/88 Empoli 92/93 Reggiana


L'espresso di Kallebäck segna solo con la maglia del Goteborg: così recita la sua carriera. Ad Empoli rimane due stagioni segna 8 reti


in due stagioni in una squadra


decisamente sterile che trova la via del goal solo in 33 occasioni. Passa da Monaco, sponda


Bayern, e da Cannes prima di ritrovare la strada della rete in Svezia. Nove partite e una rete a Reggio Emilia chiudono la seconda parentesi italiana.


Preben ELKJÆR LARSEN 84/88 Verona


Da Verona allo scudetto e dalla città scaligera a sfiorare il Pallone d’Oro nel 1985, superato solo da Michel Platini: “il matto di Lokeren” come lo chiamavano in Belgio o “cavallo pazzo” non è mai stato un esempio della vita che uno sportivo dovrebbe condurre fuori dal campo tra sigarette, alcool e donne ma sul campo è sempre stato l’ultimo ad arrendersi con- tribuendo in modo determinante, e non solo a suon di goal pesanti, alla favola della squadra di Osvaldo Bagnoli. “Per rispetto nei confronti di chi mi ha amato e osannato fino ad invocarmi come sindaco di Verona, non ho accettato di vestire altre maglie di società italiane”: la risposta danese a Ibra.


CALCIO - Gli scandinavi nel Campionato italiano


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113