This page contains a Flash digital edition of a book.
SICUREZZA STRADALE


Enti di Normazione – 3° parte (a cura di Tacchia)


Comitato Europeo di Normazione


Il Comitato Europeo di Normazione (European


Committee Standardization), meglio collaborazione con enti europea e for noto con


l'acronimo CEN, è un ente normativo che ha lo scopo di armonizzare e produrre norme tecniche (EN)


in Europa in normativi


nazionali e sovranazionali quali per esempio l'ISO. Il CEN, fondato nel 1961, lavora in accordo alle politiche dell'Unione


dell'EFTA


(Associazione europea di libero scambio) per


favorire il sicurezza dei


libero scambio, la lavoratori


e dei


consumatori, la protezione dell'ambiente, eccetera. Gli standard europei prodotti dal CEN sono normalmente armonizzati e adattati dai singoli paesi che li accolgono come per esempio l'UNI in Italia.


Ente Nazionale Italiano di Unificazione


L'Ente Nazionale Italiano di Unificazione, acronimo UNI, è un'associazione privata senza scopo di lucro che svolge attività normativa in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario, ad esclusione di quello elettrico ed elettrotecnico di competenza del CEI. L'UNI partecipa in


rappresentanza


dell'Italia all'attività normativa degli organismi internazionali di normazione ISO e CEN. L'UNI fu costituito nel 1921 con la sigla "UNIM", a fronte di esigenze di standardizzazione


dell'industria


meccanica di allora, ma già nel 1928 la Confindustria ne promosse l'estensione a tutti


i settori industriali diventando


l'attuale UNI. I compiti principali dell'UNI sono: elaborare nuove norme in collaborazione con tutte le parti interessate; rappresentare l'Italia nelle attività di normazione a livello mondiale (ISO) ed europeo (CEN) allo scopo di promuovere


l'armonizzazione delle


norme; pubblicare e diffondere le norme tecniche ed i prodotti editoriali ad esse correlati.


RIASSUMENDO


Un capo è omologato se esiste una direttiva CEE che ne definisce i termini, se l‘ente nazionale di normazione la fa propria, se il governo nazionale la


recepisce con una legge. In Italia questo è avvenuto solo per l‘uso dei caschi, per le altre omologazioni si è interrotto l‘iter con il riconoscimento delle direttive da parte dell‘UNI. Se il recepimento delle direttive con una legge dello stato non avviene,


le volontariamente aziende applicare


omologazioni, senza nessun obbligo. NORME RELATIVE


ALL’ABBIGLIAMENTO TECNICO PER MOTOCICLISTI


Ogni norma citata, definisce le specifiche costruttive e le relative prove a cui deve essere sottoposto l‘oggetto in questione al fine di definirsi ―omologato‖, Per praticità omettiamo di elencare le prove e le caratteristiche relative all‘oggetto della norma.


EN 1621-1 (protettori spalle gomiti anche ginocchia) Norma numero : UNI EN 1621-1:1999 Titolo : Indumenti di protezione contro l'impatto meccanico per motociclisti. Requisiti e metodi di prova per protettori contro l'impatto. Sommario : La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 1621-1 (edizione dicembre 1997). La norma specifica i requisiti ed i metodi di prova per protettori contro l'impatto incorporati o da incorporare negli


indumenti per


motociclisti o utilizzati come articoli separati.


EN 1621-2 (paraschiena) Norma numero : UNI EN 1621-2: Titolo : Indumenti di protezione contro l'impatto meccanico per motociclisti - Paraschiena - Parte 2: Requisiti e metodi di prova Sommario : La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 1621-2 (edizione agosto 2003). La norma specifica la copertura minima che deve essere fornita dai paraschiena indossati da motociclisti in normali condizioni di traffico. La norma contiene i requisiti di prestazione per i protettori sottoposti a impatto e i dettagli dei metodi di prova. Sono inclusi i requisiti


dimensionali, i requisiti


ergonomici e i requisiti di innocuità, etichettatura e di presentazione delle informazioni.


EN 1621-3 (petto) Pagina 2


possono le


Motorcyclists' protective clothing against mechanical


Motorcyclists‗ protectors


impact — Part 3: chest


-


Requirements and test methods" Si tratta di una bozza datata Marzo 2009.


EN 13594 (guanti) Norma numero : UNI EN 13594:2004 Titolo : Guanti di protezione per motociclisti professionali - Requisiti e metodi di prova. Sommario : La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 13594 (edizione luglio 2002). La norma si applica ai guanti di protezione per motociclisti professionali da indossare durante la guida di motociclette per attività da svolgersi su strada.


EN 13595-1 EN 13595-2 EN 13595-3 EN 13595-4 (Giacche, pantaloni e tute intere o divisibili). La norma è indivisibile ed è composta da 4 sezioni:


Norma numero : UNI EN 13595-1:2004 Titolo : Indumenti di protezione per motociclisti professionali


- Giacche,


pantaloni e tute intere o divisibili. Sommario : La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 13595-1 (edizione luglio 2002). La norma specifica i requisiti generali per giacche, pantaloni, tute intere o divisibili per motociclisti professionali, destinati a proteggere l'utilizzatore da lesioni di tipo meccanico.


Continua


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20
Produced with Yudu - www.yudu.com