This page contains a Flash digital edition of a book.
GIRONE B - Oltre il calcio


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 201 0


Storico trionfo e riscatto di un paese in miseria? Semplice montatura per occul- tare i misfatti di un governo sanguinario? Eroi nazionali o complici del potere? Il Mondiale del 1978, organizzato dall'Ar- gentina e vinto proprio dalla Selección al primo trionfo iridato, si trascina ancora oggi tutti questi interrogativi. La vittoria della nazionale era infatti legata a doppio filo al regime dittatoriale instaurato in quegli anni, con il generale Jorge Rafael Videla a capo della Junta militare salita al potere nel 1976 con un colpo di stato. Una dittatura che gli stessi autori ribattezzarono “Processo di Riorganiz- zazione nazionale”.


La Junta militare ha appositamente creato un comitato organizzatore dell'e- vento, chiamato Ente Autarquico Mundial ‘78: la presidenza è diventata motivo di disputa tra l'esercito di Videla e la marina militare di Emilio Massera. In un paese in cui la Selección ha la priorità su tutto ed il fútbol è considerato un mezzo con cui espiare le proprie sofferenze quotidiane, Videla ed i suoi uomini hanno ben pensato che vincere il Mondiale casalingo porterà qualche consenso in più al regime e riuscirà ad offuscarne le malefatte di cui finora si è macchiato.


Prima di tutto bisogna partire da un allenatore vincente. Sulla panchina siede attualmente César Luis Menotti, detto el Flaco, ex-militante del partito comunista argentino e per questo mal visto dai capi del regime. Quell'allenatore smilzo e capellone che legge Cortázar e Sartre è


un personaggio scomodo, specie per il suo passato da radicale. Il compito di liquidarlo è affidato a el Gordo Muñoz, speaker di Radio Rivadavia dalle sim- patie fasciste. L'occasione sembra giun- gere propizia con l'amichevole del 1977 tra Argentina e Polonia al Monumental di Buenos Aires: Muñoz si cala subito nel suo ruolo e dalla sua postazione annun- cia che "per trenta milioni di argentini è arrivato il momento della verità: Menotti devi mostrarci le tue carte, i tifosi non apprezzano più il tuo gioco...dovresti trovare il coraggio di lasciare il posto!". Menotti esce per ultimo dal tunnel, avvolto in un impermeabile nero: sa che i 40mila degli spalti decideranno il suo futuro sulla panchina della nazionale. L'inizio non è incoraggiante: la squadra gioca male, le stelle non brillano e la Polonia passa in vantaggio, con Muñoz che a stento nasconde la sua gioia. Mancano venti minuti alla fine, il destino del


flaco pare segnato. Ma accade


l'incredibile: Kempes realizza il pareggio, i tifosi del Monumental iniziano a sos- tenere a gran voce squadra ed alle- natore: Menotti no se va, Menotti no se va. Il titolo a caratteri cubitali del Que Pasa del giorno dopo è già pronto: «Menotti è l'uomo giusto per


la


Selección». I militari incassano il colpo, Menotti resta fino al Mondiale. Da questo momento il governo fa quadrato attorno alla squadra: giocatori ed allenatori dovranno rilasciare interviste solo in ma- teria calcistica, la stampa nazionale avrà l'obbligo di non parlare male della nazio- nale, pena il sequestro, la scomparsa o


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com