This page contains a Flash digital edition of a book.
SUDAFRICA 201 0


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 2010


Dall’undici giugno all’undici luglio pros- simo Johannesburg, Pretoria, Bloem- fontein, Città del Capo, Durban, Nelspruit, Polokwane, Porth Elizabeth e Rustenberg ospiteranno il FIFA Sokker- Wêreldbekertoernooi, per dirlo in lingua afrikaans, il Campionato Mondiale di calcio per dirlo in lingua italiana. Sarà un Mondiale molto speciale: per la prima volta nella storia, infatti, sarà il Conti- nente Nero ad ospitare la rassegna iri- data dello sport più seguito al mondo. Tutto ciò è stato possibile grazie ad una decisione presa ad inizio del decennio scorso dalla FIFA che scelse di orga- nizzare il Mondiale a rotazione tra le varie Confederazioni prendendo come punto di partenza proprio l’edizione del 2010, assegnata all’Africa. Si proposero cinque nazionali, per quattro candi- dature: alla coppia Libia-Tunisia e alla loro candidatura congiunta, si aggiunsero Egitto, Marocco e Sudafrica. Proprio la coppia nordafricana venne quasi subito esclusa d’ufficio: i vertici del massimo organismo calcistico mondiale vietarono le candidature congiunte, estromettendo quindi Libia e Tunisia dal lotto delle partecipanti. Non solo: volendo a tutti i costi ospitare il Mondiale i libici presen- tarono un progetto in cui si prefiggevano di contare solo sulle proprie forze, ma anche questa venne respinta. Senza l’appoggio della Tunisia venivano difatti a mancare i requisiti necessari per poter anche solo concorrere all’assegnazione. Il 15 maggio 2004 venne poi annunciata la nazione che avrebbe dovuto ospitare il Mondiale. A spuntarla, di misura, fu il Sudafrica, cui vennero attribuite quat-


tordici preferenze su ventiquattro. Bat- tuto sul filo di lana il Marocco, fermatosi a dieci. Nessuna preferenza venne inve- ce attribuita all’Egitto.


Sudafrica che batte Marocco non vuol solo dire suggellare a tutti gli effetti la fine dell’apartheid. Sudafrica che batte Marocco vuol anche dire, trentadue anni dopo l’edizione argentina, tornare a disputare il Campionato Mondiale nell’e- misfero australe, là dove tra giugno e luglio è inverno. Anche per questo moti- vo, oltre che per l’altitudine di alcune delle città interessate ad ospitare la competizione, molte delle squadre qua- lificatesi alla fase finale del prossimo Mondiale hanno deciso di svolgere la propria preparazione in località di mon- tagna. Da una parte, infatti, c’è la ne- cessità di abituarsi ad un’altitudine cui non si è solitamente esercitati a giocare (Johannesburg, luogo della finale, è po- sto a quasi 1700 metri sul livello del mare), dall’altra bisogna invece ripren- dere confidenza con temperature più fresche rispetto a quelle cui la maggior parte si è abituata a giocare nel finale di stagione.


Non solo temperatura ed altitudine paio- no destinate a creare qualche problema ai giocatori che saranno impiegati in Sudafrica. Secondo quanto si evince dal- le parole di molti di loro, uno dei proble- mi principali pare possa essere creato dal pallone made in Adidas. Jabulani, esemplare creato appositamente per la fase finale della diciannovesima edizione del Mondiale, non soddisfa né attaccanti


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com