This page contains a Flash digital edition of a book.
GIRONE A - Oltre il calcio


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 201 0


Una prima storica, una vittoria da pietra miliare. Nel freddo dell’Estadío Pocitos di Montevideo, col termometro sotto lo zero e tremila spettatori radunati per assistere all’evento, la Francia aveva vinto la partita inaugurale del primo Mondiale di calcio, battendo 4-1 il Messico e segnando, attraverso i piedi di Lucien Laurent del Sochaux, la prima rete nella storia della Coppa del Mondo, dopo diciannove minuti di gioco. A capitanare quella pionieristica spedizione era Alexandre Villaplane, in quel mo- mento stella del calcio ed eroe nazio-


nale. Era il 13 luglio 1930. Quattordici anni e mezzo più tardi, il 26 dicembre 1944, Villaplane sarebbe stato fucilato come traditore.


I francesi erano partiti il 21 giugno da Villefranche-sur-Mer, condividendo per due settimane il transatlantico Conte Verde con le altre tre squadre europee partecipanti – Belgio, Romania e Jug- oslavia – e raccogliendo a Rio de Janeiro la nazionale brasiliana. In Uruguay erano approdati il 4 luglio, a una settimana dal calcio d’inizio. A scendere in campo con-


tro il Messico furono Thépot, Mattler, Chantrel, Capelle, Delfour, Villaplane, Pinel, Laurent, Langiller, Liberati e Ma- schinot. Lucien Laurent, che sarebbe poi stato prigioniero di guerra dei tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, aveva segnato girando al volo dal limite dell’area un passaggio della rapida ed elegante ala destra Ernest Libérati. Marcel Langiller raddoppiò al 40’ dopo un’azione personale, mentre André Maschinot aggiunse la terza rete due minuti più tardi, chiudendo la prima frazione di gioco sul 3-0. Ridotti in dieci


e con il difensore Augustin Chantrel in porta per via dell’infortunio occorso al 26’ al portiere Alexis Thépot, i francesi concessero una sola rete nel secondo tempo, rincarando la dose di nuovo con Maschinot a tre minuti dalla fine. Nelle partite seguenti il successo disertò i francesi: due sconfitte 1-0 contro l’Ar- gentina e il Cile conclusero l’avventura della Francia alla prima Coppa del Mondo.


Sarebbero state le ultime partite in nazionale per Alexandre Villaplane, un pied-noir, un Francese di Algeria. Nato a Constantine, principale centro della regione nord-orientale algerina, si trasferì dagli zii in Francia all’età di sedici anni, cominciando a giocare per il Football Club de Sète. Nel 1927 passò allo Sporting Club Nîmois sotto la promessa di un lavoro ben pagato: erano i tempi dell’amateurisme marron, quando il professionismo non era per- messo, anche se le squadre trovavano diversi modi di aggirare le regole e pagare per assicurarsi


i giocatori


migliori. Centrocampista energetico dal tackle rude, dotato di buona abilità tattica nel passaggio e del colpo di testa più ammirato della nazione, Villaplane cominciò a destare l’attenzione di tutta la Francia e l’11 aprile 1926 fece il proprio esordio in nazionale in una vittoria 4-3 ai danni del Belgio, primo nativo nord-africano a vestire la maglia dei Bleus. Nel 1929, tre anni prima che il professionismo venisse accettato oltral- pe, Villaplane passò a quel Racing Club


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com