This page contains a Flash digital edition of a book.
STORIE MONDIALI - 1 990-2006


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Bafana Bafana. Nei gironi di qualifi- cazione l’Iran sconfisse per 2-1 gli acerrimi rivali statunitensi in un incontro storico. Le piazze di Teheran si riem- pirono di una folla festante che scandiva slogan anti-americani. Quello che però non fu fatto vedere né dalla regia inter- nazionale né tantomeno dalla censura iraniana furono le immagini dei dis- sidenti che protestavano contro Katami o il grande palloncino arancione con il volto di Rajavi (leader dell’opposizione) che cadde in mezzo al campo pochi minuti prima dell’inizio dell’incontro.


Alla guida dell’Italia non c’era più Sacchi, ma Cesare Maldini che, pur strutturando la squadra attorno al cannoniere Chri- stian Vieri, non riuscì a gestire al meglio il dualismo fra Baggio e Del Piero. A quattro anni di distanza saranno nuova- mente i rigori ad arrestare la corsa degli azzurri. Nei quarti di finale l’errore di Luigi Di Biagio spianerà la strada ai futuri campioni del mondo. La grande sorpresa del Mondiale fu senza dubbio la Croazia di Šuker che concluse il torneo al terzo posto. Quest’importante succes- so sportivo, oltre a causare una nuova ventata di nazionalismo interno, permise di rafforzare l’immagine e la conoscenza della neonata nazione balcanica all’e- stero.


Dopo aver dominato il Mondiale, Francia e Brasile giunsero meritatamente in finale. Alla guida di un favoritissimo Brasile era tornato Zagallo, già campione del mondo nel 1958 e nel 1962 come giocatore e nel 1970 come allenatore. I verde-oro potevano contare, oltre che sulla formidabile coppia di


Numero 0 • Giugno 2010


gioco dei Bleus di Jacquet, protetto da una solida linea difensiva formata da Thuram, Blanc, Desailly e Lizarazu, ruotava invece sul talento e sull’estro del fantasista


franco-algerino Zinedine


Zidane. Fu proprio Zidane a vincere, firmando una doppietta, la sfida a di- stanza con un Ronaldo costretto a giocare dagli sponsor, nonostante una crisi epilettica da stress ne sconsigliasse l’utilizzo. La vittoria della Francia che sconfisse il Brasile per 3-0 si trasformò anche in un fenomeno sociale. Fu la vittoria dei Blanc, Black, Beur (bianchi, neri, arabi). La vincente nazionale fu accostata al modello multietnico e integrazionista della società francese. Questo parallelismo sarà riproposto


terzini


Cafu–Roberto Carlos, anche sull’attesis- simo fenomeno Ronaldo, già autore di 4 reti e campione del mondo a USA 1994 senza mai però scendere in campo. Il


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com