This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Klismann aveva un motivo in più per guardare con ottimismo al processo di riunificazione.


Numero 0 • Giugno 2010


Quello americano è stato definito il Mondiale degli yankee e il Mondiale degli sponsor, ma dal 1987 in poi il Mondiale divenne sempre più delle televisioni. Sommata alla passione globale per il calcio, la potente influenza svolta dal video durante i Mondiali americani fu in grado di interrompere la guerra civile in Ruanda (bisognava tifare per la Nigeria) e in Bangladesh diede il via a mani- festazioni di protesta contro la squalifica per doping di Maradona. Questi ed altri furono gli effetti del calcio televisivo e globalizzato, in cui le partite per aumen- tare gli incassi televisivi vennero giocate a orari improponibili. Il Mondiale, giocato negli Stato Uniti, ebbe come veri prota- gonisti i tifosi: telespettatori sparsi in tutto il mondo. Fra le degenerazioni del calcio va inserita anche la morte del difensore colombiano Andréas el Cabal- lero Escobar che nella notte del 2 luglio venne freddato da dodici colpi di mitra- glietta all’uscita da un ristorante di Medellín. La sua condanna a morte era stata decretata per la sfortunata auto- rete messa a segno durante la gara persa per 2-1 contro gli Stati Uniti. Tutt’oggi non è chiaro se il movente sia stato la follia calcistica, come affer- marono le indagini, oppure un rego- lamento di conti legato all’ambiente delle scommesse clandestine e dello spaccio di droga.


Ancor più che nel 1990 i Mondiali statu- nitensi furono influenzati dai rivolgimenti geopolitici derivati dal disgregamento


giocata all’ora di pranzo nella canicola di Pasadena, fu un brutto spettacolo. En- trambe le squadre si temevano e la par- tita fu decisa ai calci di rigore. Dopo gli errori iniziali dei difensori (Baresi e Marcio Santos), i rigori non realizzati da Massaro e Roberto Baggio spensero il “sogno americano” degli italiani e lau- rearono il Brasile Campione del Mondo.


RIGORI Baresi


Albertini Evani


Massaro R. Baggio


dell’Unione Sovietica. Poiché le qualifi- cazioni del Mondiale erano già comin- ciate, la FIFA accettò una sola squadra fra le ex-repubbliche sovietiche. Malgra- do le proteste georgiane e soprattutto ucraine venne scelta la Russia. Dalla fase a gironi non emersero particolari sorprese. L’Italia di Arrigo Sacchi, sem- pre fedele al suo 4-4-2 e costruita attor- no al blocco del Milan, aveva in Roberto Baggio la sua punta di diamante. L’inizio non fu certo dei migliori: sconfitta con l’Irlanda, sofferta e polemica vittoria con la Norvegia e pareggio con il Messico. Si dovette attendere l’esplosione del genio di Baggio per iniziare ad esultare: dop- pietta alla rivelazione Nigeria e gol alla Spagna, contro cui però fu decisiva la realizzazione dell’altro Baggio, Dino. In semifinale una nuova doppietta alla sor- prendente Bulgaria di Stoičkov e Balăkov spalancò agli azzurri le porte della finale sfuggita quattro anni prima.


Dall’altra parte del tabellone un Brasile “europeo”, guidato in panchina da Pa-


0 Marcio Santos 1 2 2 2


Romário Branco Dunga


0 1 2 3


rreira e in campo da Dunga, giunse in finale trascinato dalle reti di Bebeto e Romario. I verde-oro superarono prima i padroni di casa, poi, in un avvincente in- contro, l’Olanda e infine la Svezia di Brolin e Kennet Andersson. La finale,


Può l’organizzazione di un Mondiale rafforzare l’identità di una nazione? Probabilmente sì, soprattutto se poi il Mondiale lo si vince pure. Seguendo questa logica lo stadio della finale fu battezzato Stade de France, per essere la “casa” di tutti i francesi e non il simbolo di un solo club. Il Sudafrica, riammesso dalla FIFA con la fine dell’apartheid, esordì al Mondiale, ma Francia e Danimarca si riveleranno un ostacolo insuperabile per gli inesperti


STORIE MONDIALI - 1 990-2006


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com