This page contains a Flash digital edition of a book.
STORIE MONDIALI - 1 990-2006


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 2010


determinate nei successi dei Leoni indomabili.


L’Italia preparò le Notti Magiche del Mondiale con grande anticipo e professionalità, tuttavia l’obiettivo del Comitato organizzatore (presieduto da Montezemolo) di “realizzare un sogno” dovette fare i conti con le vittime nei cantieri, le opere incompiute e gli scan- dali sugli appalti che andarono a con- fluire nelle inchieste di Tangentopoli. Le qualificazioni mondiali erano cominciate nell’agosto del 1988 con la Germania Est da un lato e la Germania Ovest dall’al- tro. Quando però l’8 luglio 1990 Lothar Matthäus sollevò la Coppa del Mondo, esisteva di fatto una sola Germania riu- nificata politicamente. Il muro di Berlino era caduto il 9 novembre 1989, quando mancava ancora una partita da giocare per concludere le qualificazioni. Il 15 novembre 1989 la Germania Ovest scon- fisse il Galles per 3-1, mentre la Ger- mania Est perse con l’Austria per 3-0. Oltre ai problemi geopolitici, particolari preoccupazione destavano gli hooligans già protagonisti in negativo del Mondiale messicano. Per fronteggiare questo pro- blema l’Inghilterra fu confinata, almeno nella fase a gironi, in Sardegna. Il Camerun, che divenne la prima squadra africana a raggiungere i quarti di finale, fu la più grande sorpresa del Mondiale italiani. A 38 anni Roger Milla, che si era ritirato dal calcio internazionale, dopo essere stato riconvocato personalmente presidente del Camerun Paul Biya, giocò il suo miglior Mondiale, segnò 4 reti e fu


Al San Paolo di Napoli, in uno stadio sentimentalmente diviso, l’Argentina di Diego Armando Maradona spezzò in semifinale i sogni dei padroni di casa. Gli azzurri di Azeglio Vicini avevano entu- siasmato grazie all’exploit del meno at- teso tra gli attaccanti, Salvatore Schil- laci. Totò, che dopo le reti contro l’Au- stria e gli Stati Uniti era stato decisivo contro l’Uruguay agli ottavi e l’Irlanda ai quarti, timbrò nuovamente il cartellino al San Paolo contro i campioni in carica. Il pareggio di Caniggia però rese inevi- tabile i calci di rigore. Alla lotteria degli undici metri la fortuna non ci arrise; fatali furono gli errori di Donadoni e Se- rena. Gli argentini conquistarono la finale di Roma e gli azzurri si accon- tentarono del terzo posto ottenuto con una vittoria nella finalina di Bari con goal, inutile dirlo, di Totò Schillaci.


Con lo stesso identico risultato si con- cluse anche l’altra semifinale che si giocò a Torino. Dopo l’1 a 1 firmato Brehme e Lineker i tedeschi si dimostrarono più freddi degli inglesi e centrarono la loro terza finale consecutiva. All’Olimpico il tifo degli amareggiati tifosi italiani si riversò a favore dei tedeschi, ma forse sarebbe più corretto dire che andò con- tro Maradona. La finale, tutt’altro che spettacolare, fu decisa in favore dei tedeschi da un rigore, l’ennesimo, che Brehme insaccò alle spalle di Goycoe- chea. Con il terzo Mondiale nel palmares la Germania di Hassler, Matthaus e


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com