This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 2010


giare, la stanchissima squadra azzurra approdò in finale senza aver ancora risolto l’annoso dualismo mediatico fra Mazzola e Rivera.


In terra messicana il Brasile si riprese dalla pessima prestazione del 1966 e, vincendo il Mondiale per la terza volta, si assicurò a titolo definitivo la Coppa Rimet. Le qualificazioni si rivelarono particolarmente turbolente. Israele volò per la prima e unica volta ai Mondiali in un girone (AFC e OFC) che, compren- dendo anche la “bianca” Rhodesia, cacciata dalla CAF ma non dalla FIFA, pareva costruito apposta per evitare le controversie geopolitiche del mondo. Anche per El Salvador fu la prima apparizione: durante le qualificazioni le gare giocate contro l’Honduras avevano contribuito enormemente ad acuire pre- gresse tensioni che sfociarono nella cosiddetta Guerra del Football. Il Mes- sico, già dotato delle infrastrutture olim- piche e con il movimento studentesco costretto alla clandestinità, organizzò l’evento senza l’enfasi che aveva accom- pagnato la vigilia delle Olimpiadi, sfo- ciata nel sanguinoso massacro di Piazza Tre Culture.


L’Italia, guidata da Ferruccio Valcareggi, si presentò in Messico col titolo europeo in tasca e una squadra assai solida. Albertosi, Burgnich e Facchetti garanti- vano sicurezza al reparto difensivo, Do- menghini e De Sisti davano fosforo al centrocampo, Gigi Riva fu l’autentico trascinatore dell’attacco mentre i fanta- sisti Mazzola e Rivera divisero l’Italia come ai tempi di Coppi e Bartali. Gli


azzurri, dopo aver superato i gironi per la prima volta dal 1938, sconfissero perentoriamente i padroni di casa nei quarti e vinsero il Partido del Siglo (la partita del secolo) in semifinale contro la Germania Ovest. Italia – Germania 4-3, con i suoi 5 goal segnati nei tempi supplementari, entrò nell’immaginario collettivo come una partita epica. Gli stessi calciatori contribuirono ad aumen- tarne il mito; Beckenbauer giocò con un braccio fasciato, Schnellinger pareggiò l’incontro nei minuti di recupero e Rivera, dopo aver favorito il 3-3, andò personalmente a decidere la sfida spiaz- zando Sepp Maier con un preciso piatto destro. Con l’Italia in piazza a festeg-


In finale, dopo aver eliminato Perù e Uruguay, ci attendeva il Brasile guidato dal già campione del mondo Zagallo. Nonostante il momentaneo pareggio di Boninsegna i verde-oro, in rete con Pelé, Gérson, Jairzinho e Carlos Alberto, si aggiudicarono il terzo Mondiale in quat- tro edizioni. La vittoria del Brasile si rivelò funzionale a rafforzare il governo della destra militare, che cercò sempre di identificarsi con la squadra adottando anche la canzone Pra Frente, Brazil (Avanti, Brasile). Poiché le celebrazioni oceaniche della vittoria e la conseguente costruzione ideologica di una comunità immaginata apparvero vincenti, negli anni successivi l’influenza dei militari nel calcio e nello sport in generale aumentò costantemente senza portare però a particolari successi.


STORIE MONDIALI - 1 970-1 986


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com