This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 2010


In Francia l’Italia di Pozzo centrò una fantastica doppietta nonostante una rosa ampiamente rinnovata che annoverava solo quattro campioni del mondo (Giovanni Ferrari, Meazza, Monzeglio e il portiere di riserva Masetti) e un solo oriundo (Andreolo). Il momento decisivo del Mondiale per Piola e compagni fu certamente la semifinale vinta per 2 a 1 contro un supponente Brasile. I carioca, pur fiaccati dalla durissima partita con la Cecoslovacchia, erano talmente convinti di vincere che avevano già prenotato il volo per Parigi e avevano rinunciato alla loro stella Leonidas. Sembra che, essendo infortunato, il Diamante Nero avesse chiesto di essere pagato per scendere in campo. Vuoi per precau- zione, vuoi per l’influenza delle lire italiane, Leonidas non giocò la semifinale e gli azzurri, trascinati da Colaussi e Meazza, conquistarono meritatamente la finale con l’Ungheria. Allo Stade de Colombes le doppiette di Piola e Colaussi misero al tappeto i temibili magiari: l’Italia vinse autorevolmente per 4-2 e si laureò nuovamente Campione del Mondo.


Tuttavia, mentre Nicolò Carosio urlava “È azzurro il colore della vittoria”, le nubi della seconda guerra mondiale incom- bevano ormai minacciose. I venti di guerra infatti, influenzarono non poco lo svolgimento della terza edizione del Campionato del Mondo. Accanto all’as- senza delle squadre britanniche, dell’U- ruguay e dell’Argentina, che boicottò l’evento francese perché non era stata scelta come sede ospitante, mancarono soprattutto Spagna ed Austria. La


Spagna non inviò la propria squadra perché dilaniata dalla guerra civile. Il forte Wunderteam di Hugo Meisl, invece, aveva cessato di esistere nel 1938 con l’annessione dell’Austria alla Germania, consentendo così alla Svezia di arrivare fino alle semifinali. Comunque ben nove austriaci presero parte al Mondiale francese difendendo i colori di una deludente Germania, che fu eliminata subito dalla Svizzera. Fra i nove non c’era la stella Matthias Sindelar, che rifiutò sempre sia di vestire la maglia tedesca che di aderire al partito nazista.


Anche il Mondiale dell’Italia fu assai politicizzato e risentì molto del pesante clima nazionalistico di quegli anni. Mussolini e il partito fascista, dopo aver strumentalizzato abilmente il Mondiale di casa,


fecero altrettanto con quello francese. Alla nazionale, che eseguiva il


saluto romano alla vigilia di ogni incontro, il Duce inviò un telegramma in cui avvertiva: “Vincere o morire”. Allo stesso tempo il cammino degli azzurri, soprattutto nelle partite a Marsiglia, risentì del clima ostile e incandescente che proveniva dagli spalti. Nella partita di esordio con la Norvegia gli esuli italiani


antifascisti fischiarono e


insultarono pesantemente il saluto romano dei propri beniamini. In un clima da anteguerra le tensioni internazionali erano entrate pesantemente nei campi da calcio e sugli spalti; il Mondiale francese fu l’ultimo grande evento sportivo internazionale prima della seconda guerra mondiale.


STORIE MONDIALI - 1 930-1 938


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com