This page contains a Flash digital edition of a book.
Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 201 0


Correva l’anno 1950. L’Italia, grazie ai successi ottenuti dalla invincible armada azzurra di Vittorio Pozzo, continuava a fregiarsi del titolo di campione del mon- do di football ormai da sedici anni conse- cutivi. Le due coppe Jules Rimet, otte- nute nel 1934 a Roma e nel 1938 a Parigi, erano state accompagnate dalla vittoria olimpica di Berlino ‘36 e dai successi nelle due coppe internazionali (dr. Gero Cup) del 1930 e del 1935. Questa enorme messe di trionfi aveva fatto della squadra azzurra la prima indiscussa potenza del calcio mondiale targato anni Trenta. Soltanto gli inglesi, chiusi nel


loro splendido isolamento,


mettevano unilateralmente in discussio- ne questa supremazia, ma senza prender parte ad alcuna competizione internazio- nale, eccezion fatta per il Torneo Inter- britannico ogni anno messo in palio con- tro Galles, Scozia ed Irlanda. Negli anni Quaranta poi,


l’immenso macello di


carne umana provocato dalla Seconda Guerra Mondiale, aveva fatto saltare le edizioni del ‘42 e del ‘46 della Coppa Rimet e soltanto con il modesto torneo olimpico del 1948 a Londra erano ricominciate le competizioni calcistiche internazionali di respiro intercontinen- tale. Il 1950, grazie ai Mondiali orga- nizzati dal Brasile, segnò dunque il momento della definitiva rinascita dopo ben dodici anni di forzata interruzione. Il Mundial carioca vide inoltre il definitivo addio all’isolazionismo calcistico da parte dell’Inghilterra che sarà poi clamorosa- mente eliminata al primo turno dagli Stati Uniti grazie al gol segnato da


Joseph Gaetjens nell’immenso stadio Mineiro di Belo Horizonte.


Alla prima edizione postbellica del Mondiale, fra le grandi squadre nazionali mancarono soltanto la Germania, non ancora riabilitata sportivamente per gli effetti del Processo di Norimberga, e l’Unione Sovietica, fuori dal consesso internazionale per scelta unilaterale. Per entrambe il rientro avverrà due anni più tardi, al torneo olimpico di Helsinki del 1952. Alla fase finale del mondiale suda- mericano si erano qualificate quelle che per diverse edizioni saranno le classiche 16 formazioni, ma le grandi distanze ed in alcuni casi le ristrettezze economiche delle federazioni nazionali, determina- rono il forfait di ben tre equipes: Scozia, Turchia ed India. Sarà proprio l’assenza della celeste formazione asiatica, che avrebbe dovuto essere la quarta compo- nente del gruppo C (assieme a Italia, Svezia e Paraguay), a falsare l’esito fina- le del girone. Fu questo un altro passo di quella sfortuna “nerissima” che si accanì contro la nazionale azzurra che avrebbe potuto vincere definitivamente la Coppa Rimet o quanto meno accedere al girone finale a quattro per l’assegnazione del titolo. Tutto era cominciato il 4 maggio del 1949 quando il tremendo schianto dell’aereo FIAT G.212 della compagnia aerea ALI contro la collina sulla quale si erge la Basilica di Superga, si era portato via l’intera squadra del Grande Torino di ritorno da Lisbona dopo un match ami- chevole. Nove, talvolta dieci undicesimi di quella indimenticabile squadra, i cui


GIRONE F - Oltre il calcio


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com