This page contains a Flash digital edition of a book.
GIRONE E - Oltre il calcio


Pianeta Sport • www.pianeta-sport.net


Numero 0 • Giugno 201 0


Sul calcio africano si è detto e scritto tutto il contrario di tutto, il che è anche comprensibile dato che si tratta di un intero continente. Nel 1962 Walter Winterbottom,


storico


allenatore


dell’Inghilterra, affermò per la prima volta che una nazionale africana avrebbe vinto il Mondiale. Una posizione diametralmente opposta a quella sostenuta, negli anni Novanta, dal tedesco Joachim Fickert, allenatore giramondo e profondo conoscitore dell’Africa secondo cui, siccome il calcio non è un’isola, il divario fra il football europeo e quello africano era destinato invece ad allargarsi. Quel che è certo è che, a seguito del Mondiale di Italia 1990, nell’immaginario collettivo la tesi secondo cui un successo africano è imminente


è diventata ormai


predominante. Se alla vigilia di ogni mondiale la profezia di Winterbottom ha iniziato ad essere


costantemente


riproposta come un mantra, ciò è dovuto senza dubbio all’exploit dei Leoni Indomabili camerunesi al Mondiale delle “Notti Magiche”.


Il Camerun, che già aveva ben figurato nel 1982, fu la vera grande rivelazione di quel Mondiale. Inseriti in un gruppo non facile, con Argentina, Romania e URSS, i Leoni


Indomabili in sorpresero inferiorità tutti


andando a vincere il girone. Un intero continente cominciò a sognare già nella partita d’esordio quando, con la propria squadra


numerica,


l’attaccante François Omam-Biyik (futura comparsa nella Sampdoria) trafisse con


un beffardo colpo di testa l’Argentina di Maradona, campione del mondo in carica. Le parate di N’Kono garantirono tanto la vittoria per 1 a 0 contro l’Albiceleste quanto la vittoria per 2 a 1, con annesso passaggio del turno, contro la Romania. A decidere il secondo incontro fu però il trentottenne Roger Milla, il quale, entrato al 68’, piazzò una doppietta nel giro di venti minuti. La disfatta contro la già eliminata Unione Sovietica ebbe valore solo per le statistiche: negli ottavi contro la Colombia il Leoni ripresero la loro favolosa marcia. Ancora Roger Milla partito dalla panchina batté due volte Higuita e garantì ai suoi uno storico accesso ai quarti. Il secondo rigore di Lineker col quale l’Inghilterra si impose per 3 a 2 non spezzò solamente i sogni di un paese, ma anche quelli di un continente e di gran parte del Terzo Mondo. Se in occidente il Camerun era visto come la “squadra simpatia”, in Africa i successi dei Leoni Indomabili rappresentavano un’occasione di riscatto sociale che andavano ben al di là di una vittoria sportiva.


Il successo calcistico del Camerun, eguagliato in seguito solamente dal Senegal, capace a sua volta nel 2002 di raggiungere i quarti di finale, portò un paese pressoché sconosciuto al centro del mondo. Come ricorda Simon Kuper in “Calcio e potere”, Roger Milla ha sempre posto molta enfasi sul ricordo di Paul Biya (presidente del Camerun) che stringeva orgoglioso le mani dei capi di


Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28  |  Page 29  |  Page 30  |  Page 31  |  Page 32  |  Page 33  |  Page 34  |  Page 35  |  Page 36  |  Page 37  |  Page 38  |  Page 39  |  Page 40  |  Page 41  |  Page 42  |  Page 43  |  Page 44  |  Page 45  |  Page 46  |  Page 47  |  Page 48  |  Page 49  |  Page 50  |  Page 51  |  Page 52  |  Page 53  |  Page 54  |  Page 55  |  Page 56  |  Page 57  |  Page 58  |  Page 59  |  Page 60  |  Page 61  |  Page 62  |  Page 63  |  Page 64  |  Page 65  |  Page 66  |  Page 67  |  Page 68  |  Page 69  |  Page 70  |  Page 71  |  Page 72  |  Page 73  |  Page 74  |  Page 75  |  Page 76  |  Page 77  |  Page 78  |  Page 79  |  Page 80  |  Page 81  |  Page 82  |  Page 83  |  Page 84  |  Page 85  |  Page 86  |  Page 87  |  Page 88  |  Page 89  |  Page 90  |  Page 91  |  Page 92  |  Page 93  |  Page 94  |  Page 95  |  Page 96  |  Page 97  |  Page 98  |  Page 99  |  Page 100  |  Page 101  |  Page 102  |  Page 103  |  Page 104  |  Page 105  |  Page 106  |  Page 107  |  Page 108  |  Page 109  |  Page 110  |  Page 111  |  Page 112  |  Page 113  |  Page 114  |  Page 115  |  Page 116  |  Page 117  |  Page 118  |  Page 119  |  Page 120  |  Page 121  |  Page 122  |  Page 123  |  Page 124  |  Page 125  |  Page 126  |  Page 127  |  Page 128  |  Page 129  |  Page 130  |  Page 131  |  Page 132  |  Page 133  |  Page 134  |  Page 135  |  Page 136  |  Page 137  |  Page 138  |  Page 139  |  Page 140  |  Page 141  |  Page 142  |  Page 143  |  Page 144  |  Page 145  |  Page 146  |  Page 147  |  Page 148  |  Page 149  |  Page 150  |  Page 151  |  Page 152  |  Page 153  |  Page 154  |  Page 155  |  Page 156  |  Page 157  |  Page 158  |  Page 159  |  Page 160  |  Page 161  |  Page 162  |  Page 163  |  Page 164  |  Page 165  |  Page 166  |  Page 167  |  Page 168  |  Page 169  |  Page 170  |  Page 171  |  Page 172  |  Page 173  |  Page 174  |  Page 175  |  Page 176  |  Page 177  |  Page 178  |  Page 179  |  Page 180  |  Page 181  |  Page 182  |  Page 183  |  Page 184  |  Page 185  |  Page 186  |  Page 187  |  Page 188
Produced with Yudu - www.yudu.com