This page contains a Flash digital edition of a book.
173. Poche settimane fa ebbi un colloquio qui con una donna. E lei disse… Avevo scoperto che
aveva un bambino, che era appartenuta a un altro uomo. Era vissuta con due ragazzi, aveva preso
quest’altro ragazzo e l’aveva sposato perché le era piaciuto di più, e affermava che il figlio era suo.
Sapeva sempre di essere appartenuta a qualcun altro.
E lei disse: “Questo io l’ho confessato”.
174. Dissi: “Sì, ecco in che modo l’hai detto: ‘O caro, caro, hai pensato qualcosa, caro? Sai, John,
il bambino! il bambino! se ti dicessi che questo bambino è di qualcun altro? Eh? Eh? Non lo
crederesti, vero?’ ‘No’. ‘Bene, e se fosse? Oh, John, dimmi, stasera andiamo a mangiare degli
hamburger?’” Questa non è confessione. Mettiti in ginocchio!
175. É il modo in cui la gente viene a Dio. “O Signore, Tu sei così buono, mi lasci fare proprio tutto
quello che voglio”. Non lo credere! Dio ha una legge attraverso la quale vivi. Finché non ti ripulisci,
ti lavi e non confessi e credi con tutto il cuore, non ritorni alla Parola di Dio, sei ancora colpevole!
Non puoi fare così.
176. Devi fare a pezzi la cosa. La gente deve venire devota, sinceramente, inginocchiarsi e restare
là finché non ci siano dei risultati, lascia che la potenza dello Spirito Santo di Dio si addentri nel tuo
cuore e ti faccia confessare tutti i tuoi peccati e tutta la tua incredulità, e accettare Cristo.
Dio ha mandato tutto quello che poteva.
177. Osservate come Lui lo provò la prima volta, come disse il fratello Vayle poco fa. Vedete?
Come sapevano che Lui era il Messia quando vide la donna al pozzo? Le disse cosa in lei non
andava. Subito, a quella donna in quella orribile condizione, che era vissuta con sei mariti, disse:
“Ne hai avuti cinque, e quello con cui vivi ora non è tuo m arito”. Sei mariti, sei uomini di fila, che
aveva frequentato, in quella condizione.
178. Ma quando le fu detto, lei vide Quella Parola di Dio più affilata di una spada a due tagli, che
discerne i pensieri del cuore. Disse: “Signore, Tu devi essere un profeta”. Ora, la Parola del
Signore viene al profeta, vedete, per rivelare queste cose. Disse: “Tu devi essere un profeta. Non
abbiam o avuto profeti da centinaia d’anni, m a”, aggiunse: “Tu devi essere un profeta. Ora noi
sappiam o d’aspettare il Messia, e che quando il Messia viene, è questo che Lui farà”.
Gesù affermò: “Io sono Lui”.
179. E la persone della città, di tutta quella città di Sichar, credettero ciascuna Gesù Cristo. Egli
non dovette rifarlo; lo fece una volta e ognuno Lo credette perché l’aveva detto la donna. Per la sua
testimonianza, poiché lei era stata trasformata, non poterono mancare di crederlo. Oh, dacci uomini
e donne con testimonianze positive, che portino l’uomo a ravvedersi ancora. Essi credettero nel
Signore Gesù Cristo.
Ora, con quel segno, Lui provò di essere il Messia.
180. Dio mi aiuti, per lo stesso segno, col Suo Spirito, a provare che è ancora il Messia. Amen. Noi
vivremo solo per la Parola di Dio. La Sua promessa è che Lui l’avrebbe fatto.
181. Ora accetta la via provveduta da Dio nel tempo della fine. Se stasera sei peccatore, incredulo,
non puoi vivere rettamente, non ti può sembrare di essere a posto, Gesù Cristo è la via provveduta
da Dio. CrediLo soltanto. Egli è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Quindi Lui e lo Spirito Santo, cioè
Lui, lo Spirito Santo è Gesù, e Gesù in forma di Spirito. “Ancora un po’ e il m ondo non Mi vedrà
più, m a voi Mi vedrete, perché Io sarò con voi, anche in voi”. Lo Spirito Santo, Cristo, Lo chiama
Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28
Produced with Yudu - www.yudu.com