This page contains a Flash digital edition of a book.
verm i corporali distruggano questo corpo, nondim eno nella m ia carne io vedrò Dio. Egli m i ha
parlato. Che la m orte o qualunque altra cosa m i colpiscano, ciò non farà la m inim a differenza,
perché io vedrò Dio. Ho visto la visione della Parola”.
110. Un giorno Israele si trovava laggiù in Egitto in schiavitù, ed aveva bisogno di una via, aveva
bisogno di una via per uscire d’Egitto; e, notate, vediamo un uomo ben addestrato di nome Mosè,
che era stato addestrato in ogni forza militare, essendo vicino a Faraone giù in Egitto. Egli era
stato addestrato in ogni potere militare; credeva che un certo giorno avrebbe liberato il Suo popolo.
E lui, Mosè, questo uomo potente, potente di parola e di fatto, venne fuori. Ci provò col suo potere
militare, ma non era la via provveduta da Dio; gli mancava qualcosa.
111. Ma un giorno mentre stava in fondo al deserto, ebbe ciò che gli mancava: il cespuglio
ardente. E Mosè ebbe una visione della Parola, che era Dio. E quando l’ebbe, la visione espresse
la Parola. “Ricordo la Mia prom essa”, amen, “per Abraham o, Isacco e Giacobbe; e ricordo che lo
prom isi loro e sono venuto per liberarli”. Amen. Oh, m y! Quindi, come lo dissi l’altra sera al
Tabernacolo. Mosè diventò un prigioniero di Dio.
112. Che Dio possa fare di te un prigioniero! Paolo diventò un prigioniero, vedi, tu non puoi
guardare a ciò che pensi, non puoi guardare quel che pensa qualcun altro. Devi procedere proprio
come Lui dice di fare. Sei un prigioniero.
113. Paolo sapeva di essere pressato nello spirito per andare in un certo luogo, quando non ci
voleva andare. Egli sapeva che lo Spirito gli aveva proibito di andare in certi posti. Sapeva che
tante volte doveva stare zitto.
114. Un giorno quella piccola preditrice di buona ventura lo seguì di corsa, gridandogli dietro. E
Paolo, giorno dopo giorno, con quello Spirito di Dio in sé, avrebbe voluto sgridarla; e alla fine
ricevette il messaggio: “Sgridala!” e si girò. Non poteva farlo finché non glielo diceva Dio. Amen.
115. Oh, se la chiesa potesse solo essere così nella gloriosa Presenza di Dio, un certo giorno Dio
scioglierà in Essa la Sua potenza, avranno luogo delle cose. Ma tu non puoi mescolare la tua
alim entazione; diventerai un ibrido. Resta esattamente come Dio ha detto. Resta proprio nella
Parola, e Dio rivendicherà che è la Verità. Sissignore.
116. Dio provvide a Israele una via. Unse un profeta, mandò una Colonna di Fuoco, e rivendicò la
Parola che il profeta parlava con dei segni, coi segni della creazione. “Mosè, stendi il tuo bastone
sul m are, verso l’est, e dì: ‘Vengano le m osche!’” E Mosè, un uomo con la Parola di Dio, pur
sapendo che un uomo non può creare, stese il suo bastone verso l’est, così, e disse: “Ci siano
m osche su tutto l’Egitto”. E le mosche furono create e vennero all’esistenza per la parola di un
uomo!
117. Dio usa l’uomo com e Suo strumento. Lui può parlare solo tramite l’uomo. “Io sono la vite, voi
siete i tralci”. É vero. Disse…
118. Non c’erano rane. Lui disse: “Mosè, esci, solleva il tuo bastone, e chiam a le rane!” Quello fu
il mandato di Dio per lui.
119. E se Mosè avesse detto: “Ora aspetta un minuto, aspetta un minuto, ora forse i giorni di
quel… non ho mai sentito una cosa simile! Non farei meglio a prendermela comoda?” Egli non
aveva alcuna denominazione intellettuale che gli dicesse cosa fare.
120. Egli visse per la promessa di Dio. Era un prigioniero nella casa di Dio. Poteva solo andare e
agire come lo Spirito lo lasciava fare. Amen. E alzò il bastone, parlò e delle rane vennero
Page 1  |  Page 2  |  Page 3  |  Page 4  |  Page 5  |  Page 6  |  Page 7  |  Page 8  |  Page 9  |  Page 10  |  Page 11  |  Page 12  |  Page 13  |  Page 14  |  Page 15  |  Page 16  |  Page 17  |  Page 18  |  Page 19  |  Page 20  |  Page 21  |  Page 22  |  Page 23  |  Page 24  |  Page 25  |  Page 26  |  Page 27  |  Page 28
Produced with Yudu - www.yudu.com